fbpx

BANDO GIOVANI PROTAGONISTI 2019

La Fondazione intende sostenere programmi strategici di rete diretti alla valorizzazione dei giovani (16 – 30 anni) e al rafforzamento delle loro competenze attraverso qualificate esperienze di formazione con l’obiettivo di migliorarne l’occupabilità e le opportunità di inserimento lavorativo e/o auto-imprenditoriale.

Le proposte si caratterizzeranno per lo sviluppo di un’azione a valenza strategica e dovranno pertanto essere strutturate in un orizzonte temporale pluriennale; potranno prevedere l’attuazione di una o più “progettazioni/sperimentazioni di territorio” in ambito scolastico, in ambito formativo, nell’ambito degli ITS presenti nei territori di riferimento, e/o in ambito extra-scolastico.

Saranno prese in considerazione, le istanze presentate entro le ore 13.00 del 15 luglio 2019, da enti le cui attività progettuali insistano nelle province di Verona, Vicenza, Belluno, Mantova e Ancona con una dimensione economica complessiva (contributo richiesto + cofinanziamento garantito, almeno pari al 20%) compresa tra € 200.000 ed € 600.000.

È possibile scaricare il modello “Schede di Monitoraggio” da allegare obbligatoriamente alla richiesta di contributo oltre che il facsimile della modulistica di presentazione del progetto messa a disposizione nell’area riservata. L’opzione consente di prendere visione in via anticipata dei principali dati ed informazioni che verranno richieste nel corso della compilazione on-line.

Si ricorda che le richieste vanno compilate e presentate esclusivamente attraverso il servizio on-line.

 

Scarica l’ALLEGATO SCHEDE DI MONITORAGGIO (EXCEL)

Scarica IL FACSIMILE DELLA MODULISTICA (PDF)

IN ARRIVO

APERTO

CHIUSO

IN VALUTAZIONE

VALUTAZIONE CONCLUSA

In risposta al bando sono pervenute 32 candidature con un importo richiesto complessivo pari a circa 11,8 milioni di euro. Il rapporto tra risorse disponibili e risorse richieste in affiancamento è di 1:3,9.

DOMANDE FREQUENTI

Il Bando Giovani Protagonisti richiede la candidatura di programmi strategici condivisi a livello territoriale, di ampio respiro e di durata estesa, articolati in più azioni (ed eventualmente in più progetti) caratterizzati da una forte coerenza di fondo e finalizzati al raggiungimento di specifici obiettivi.

La formulazione di una strategia richiede una puntuale analisi del contesto di riferimento (con l’identificazione dei relativi punti di forza e di debolezza, considerando bisogni e i diversi stakeholders) e dello scenario atteso verso il quale ci si proietta.

La Fondazione chiede nello specifico che le proposte si strutturino e si sviluppino in rete ed in un arco temporale pluriennale (fino ad un massimo di 36 mesi), trovando possibile declinazione operativa in ambito scolastico, formativo, nell’ambito degli ITS presenti nei territori e/o in ambito extrascolastico.

Ciascun soggetto può presentare una sola richiesta di contributo e partecipare come partner operativo ad un’altra iniziativa presentata. Oppure un soggetto può partecipare come partner operativo ad un massimo di due istanze di contributo.
Si specifica che il patrocinio o l’adesione al progetto come sostenitore, senza ruolo attivo in esso, non si configura come partenariato.
In caso di non rispetto dei vincoli sopra indicati tutti i progetti candidati nel presente Bando verranno esclusi dalla fase di valutazione.

Sì, però è indispensabile che i progetti abbiano una ricaduta sui territori di competenza della Fondazione.
Verranno pertanto prese in considerazione le istanze presentate da Enti con sede esclusivamente nelle province di Verona, Vicenza, Belluno, Ancona e Mantova o le cui attività progettuali siano sviluppate nei medesimi territori.

Di norma un progetto si classifica come progetto di rete quando è progettato e realizzato da più soggetti che insieme collaborano. In questo senso anche il budget di progetto è generalmente a “responsabilità condivisa”. Il rapporto di partenariato è sancito da uno specifico Accordo di partenariato specificatamente dedicato al progetto che identifica il ruolo, le competenze e le attività svolte da ciascun partner.
Pertanto, un progetto interamente realizzato e gestito da un unico soggetto attuatore, a cui un soggetto terzo compartecipa solo con l’apporto di risorse finanziarie (soggetto co-finanziatore) non può generalmente definirsi progetto di rete.

L’Accordo di rete/partenariato deve essere specificatamente riferito al progetto candidato, dovrà indicare il ruolo svolto ed il contributo assicurato da ciascun partner alla realizzazione dell’iniziativa, l’eventuale apporto di cofinanziamento oltre a conferire mandato al soggetto capofila a svolgere le funzioni attribuitegli dal Bando.
L’Accordo può essere formalizzato anche in singole ma specifiche Lettere di partnership tra Ente capofila e soggetto partner sottoscritte dal Legale Rappresentante dell’Ente.
È un documento da allegare obbligatoriamente all’istanza.

La procedura on-line messa a disposizione per la compilazione dei progetti prevede tre categorie di partner:

  • Partner percettore = è il partner che, realizzando direttamente alcune azioni progettuali, si candida a ricevere una quota parte del contributo della Fondazione. In questo caso è necessario che il partner percettore sia soggetto idoneo a ricevere contributi dalla Fondazione e, in caso sia soggetto privato, è necessario allegare all’istanza di contributo copia del relativo Statuto;
  • Partner finanziatore = è il partner che contribuisce alla realizzazione del progetto apportando risorse economiche che contribuiscono alla realizzazione del budget di progetto. Se si classifica un partner come finanziatore, in procedura on-line andrà indicata anche l’importo delle risorse economiche destinate al progetto e la natura delle stesse, esplicitando se già acquisito o solo richiesto;
  • Partner sostenitore = è il partner che contribuisce alla realizzazione del progetto mettendo a disposizione competenze, know how, servizi o beni in kind (a titolo gratuito).

In termini generali non si configura come partner l’Ente o il soggetto che attribuisce un semplice patrocinio od una semplice e generica adesione al progetto e, naturalmente, i fornitori e prestatori di servizio.
Un soggetto può naturalmente essere presente in più categorie di partenariato (particolarmente importante identificare i partner percettori e finanziatori): nel qual caso in procedura andrà registrato più volte.

Sì, è possibile. Va in ogni caso tenuto presente che tale soggetto non potrà ricevere in alcun modo contributi dalla Fondazione (si rimanda alla lettura dell’art. 8 del Regolamento per le Attività Istituzionali disponibile sul sito internet della Fondazione) e pertanto non può figurare come partner percettore.

Il Bando richiede la presentazione di istanze con caratteristiche di concretezza e fattibilità, complete di relazione descrittiva di progetto che espliciti gli obiettivi, il piano delle azioni e delle attività, il piano di monitoraggio, il modello di governance, il modello di sostenibilità ed il piano di comunicazione.

Obbligatoria è anche la presentazione di una relazione descrittiva del piano economico con la composizione dettagliata e la spiegazione di ciascuna voce di spesa prevista (per ogni anno di durata progettuale), allegando preventivi/offerte almeno per i beni strumentali, le prestazioni professionali di terzi, gli interventi di messa a norma ed i costi di promozione e comunicazione. Nel caso di spese per personale dipendente sarà necessario allegare un prospetto chiaro e preciso che dettagli il ruolo, il costo orario ed il numero di ore per ciascuna risorsa, indicando distintamente se si tratta di personale assegnato completamente al progetto, in quota parte od assunto ad hoc.

I progetti candidati devono presentare un totale complessivo dei costi compreso tra un minimo di € 200.000,00 ed un massimo di € 600.000,00 con un co-finanziamento almeno pari al 20% del totale.

Significa che:

  • nel caso venisse presentato un progetto di complessivi € 200.000,00, l’importo di cofinanziamento dovrà essere di almeno € 40.000,00 e di conseguenza il richiesto a Fondazione sarà di € 160.000,00;

nel caso in cui il costo complessivo di progetto fosse pari ad € 600.000,00, l’importo di cofinanziamento dovrà essere di almeno € 120.000,00 e di conseguenza il richiesto a Fondazione sarà di € 480.000,00.

Tra i criteri di selezione delle progettualità da sostenere è prevista anche la valutazione della “cantierabilità” del progetto intesa come predisposizione del progetto ad avere una partenza operativa entro tempi contenuti. La Fondazione è pertanto interessata, per questo Bando, a sostenere progetti che possano essere avviati in tempi ragionevolmente contenuti in modo da raggiungere quanto prima gli obiettivi prefissati ed esprimere l’impatto previsto.

Area Formazione e Ricerca

Anno 2019


Stato del bando: Aperto


Pubblicazione: 5 aprile 2019


Scadenza: ore 13.00 del 15 luglio 2019


Risorse assegnate: euro 3.000.000


Guida alla compilazione della richiesta: consulta la sezione dedicata


Orari di consulenza: dal lunedì al venerdì dalle 11.00 alle 13.00


Riferimenti: Martina Alesci, Marta Cenzi


Contatti referenti: consulta la sezione STAFF (link alla pagina)


Help desk tecnico area riservata
e-mail help desk
assistenza operativa dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00
telefono: 051-09.38.315


Iniziative correlate