fbpx
Scroll Top

BANDO DOMICILIARITÀ INTEGRATA

Il bando vuole sostenere percorsi innovativi che nell’ambito dell’assistenza domiciliare diano risposte concrete alle fragilità degli anziani

Con il Bando Domiciliarità Integrata la Fondazione intende sostenere progetti pilota volti a sperimentare innovativi modelli organizzativi di servizi nell’ambito della domiciliarità integrata rivolti a persone fragili o non auto-sufficienti – in particolare persone anziane o con disabilità – con l’obiettivo di sviluppare nuovi sistemi di governance e gestione territorialmente coordinati, più efficaci e sostenibili.

La recente pandemia da Covid-19 ha messo in luce la necessità urgente di rivedere e rafforzare sul territorio i servizi domiciliari di presa in carico della persona fragile. Appaiono sempre più necessari nuovi approcci metodologici alla cura e all’assistenza che impongono la sperimentazione di nuove formule basate sulla gestione integrata e multidisciplinare dei percorsi assistenziali attraverso la valorizzazione dei contributi dei diversi attori.

Le proposte dovranno necessariamente prevedere la cooperazione di soggetti pubblici e del privato sociale valorizzando il ruolo, le competenze e le esperienze di ciascuno sviluppando programmi che siano finalizzati al raggiungimento di uno o più dei seguenti obiettivi:

  1. a) miglioramento ed innovazione nell’offerta a sostegno della domiciliarità integrata
  2. b) implementazione di un’offerta diffusa e coordinata sul territorio
  3. c) rafforzamento dei dispositivi organizzativi e di coordinamento
  4. d) sperimentazione di programmi di assistenza personalizzati, con modalità di erogazione flessibile

Gli interventi proposti dovranno interessare i territori delle province di Verona, Vicenza, Belluno, Ancona e Mantova e dovranno rappresentare esperienze pilota di modelli organizzativi inediti nel contesto di riferimento, prevedere una pluralità di attori ed essere realizzati da un partenariato pubblico-privato attraverso processi collaborativi e di integrazione, oltre a privilegiare approcci che prevedano il necessario coinvolgimento degli utenti e delle famiglie.

Saranno privilegiate le proposte che prevedono l’utilizzo della tecnologia e dello strumento digitale a presidio e supporto dei servizi erogati. La partecipazione operativa dell’ente pubblico, in qualità di ente capofila o di partner, è obbligatoria perché ritenuta determinante per assicurare che le sperimentazioni proposte possano diventare sostenibili nel tempo, anche mediante l’inserimento di tali modelli tra le misure sostenute con risorse pubbliche.

Le richieste di contributo potranno essere presentate entro le ore 13.00 del 28 ottobre 2022.

Per maggiori informazioni visitare la pagina dedicata al Bando.

Altri aggiornamenti

Cambiare il mondo uno scambio (interculturale) alla volta

Si è tenuta ieri la cerimonia di consegna delle borse di studio Intercultura che permetteranno a 11 studenti di talento di trascorrere il prossimo anno scolastico in Paesi dell’America Latina, dell’Europa e dell’Asia

Bando Welfare generativo: risposte concrete per combattere le nuove povertà

L’iniziativa da 3 milioni di euro sostiene azioni che – grazie al coinvolgimento e all’ascolto delle comunità e alla partecipazione dei destinatari finali dei servizi – soddisfino con maggior efficacia i bisogni locali

Tavolo di innovazione: quali sono i bisogni del terzo settore?

L’evento, firmato Foundation Open Factory, è in programma per martedì 25 giugno in Fondazione: sono invitati tutti gli enti interessati a trovare risposte originali alle proprie esigenze

Formazione gratuita per nuove competenze digitali e soft skills

Iniziano i primi 23 corsi sostenuti dal bando Prospettive del Fondo per la Repubblica Digitale per donne e uomini disoccupati o inattivi tra i 34 e i 50 anni

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per ricevere la newsletter di Fondazione Cariverona. Lasciando i tuoi dati rimarrai aggiornato sui nostri bandi, iniziative ed eventi !