fbpx

UN TAMPONE NASALE PER FERMARE IL PARKINSON

Risultati incoraggiati nella ricerca scientifica del team internazionale coordinato dall’Università di Verona sostenuto da Fondazione con il Bando Ricerca di Eccellenza

Un tampone nasale capace di prevedere il Parkinson, prima che la malattia si manifesti con i disturbi motori. È il risultato del lavoro di un team di scienziate e scienziati di livello internazionale, coordinati dall’Università di Verona, capace di implementare un tampone nasale per prevedere il Parkinson e fermare il progresso della malattia in una fase pre-motoria o di rallentare lo sviluppo verso la malattia conclamata.

A renderlo possibile alcuni scienziati dell’Università di Verona che, sottoponendo a tampone nasale alcuni pazienti affetti da disturbi comportamentali del sonno, hanno identificato l’alfa-sinucleina patologica, proteina che causa la malattia di Parkinson. Poiché i disturbi comportamentali del sonno (iRBD), insieme ai disturbi dell’olfatto, fanno parte delle manifestazioni precliniche della malattia di Parkinson, la novità consiste nell’ aver dimostrato che in una fase in cui non sono presenti i disturbi motori il processo patologico è già attivo. La ricerca è stata pubblicata tra le Editor’s choice della rivista internazionale Brain.

Sono stati sottoposti a brushing nasale 63 pazienti con iRBD ed il 45% presentava una positività del tampone per l’alfa-sinucleina patologica e di questi il 78% presentava un deficit dell’olfatto e nei soggetti negativi solo il 22% presentava deficit olfattorio. Quindi i dati ottenuti mostrano una correlazione tra positività al brushing nasale ed i sintomi preclinici di malattia di Parkinson.

Lo studio è stato coordinato dal gruppo del professor Zanusso, in collaborazione con i gruppi più autorevoli in Europa in tema di disturbi del sonno, i colleghi neurologi dell’Università di Innsbruck, in particolare dalla dottoressa Ambra Stefani e dal professor Werner Poewe, un’autorità nella malattia di Parkinson, e dai colleghi dell’Università di Barcellona.

Il progetto di ricerca Development and validation of a novel molecular assay for alpha-synuclein in patients with Parkinson disease and other alpha-synucleinopathies, è stato sostenuto all’interno del Bando Ricerca di Eccellenza 2018 di Fondazione Cariverona.

A questa pagina è possibile approfondire lo studio.

nella foto da sx: Sergio Ferrari, Gianluigi Zanusso, Salvatore Monaco, Luca Sacchetto, Matilde Bongianni, Michele Fiorini, Stefano Capaldi, Maria Paola Cecchini

nella foto da sx: Sergio Ferrari, Gianluigi Zanusso, Salvatore Monaco, Luca Sacchetto, Matilde Bongianni, Michele Fiorini, Stefano Capaldi, Maria Paola Cecchini

Altri aggiornamenti

ENACT – Conoscerlo per sconfiggerlo

Presentato al Teatro Ristori il bilancio del progetto dell’università di Verona sostenuto dalla Fondazione Cariverona

KUM! FESTIVAL

“Come ripartire. Cantieri” è il titolo dell’edizione 2021 del festival anconetano sostenuto da Fondazione Cariverona

INSIEME 2020

Online la nuova edizione del nostro Bilancio di Missione in formato magazine

HOW MANY LANDSCAPES?

Inaugura sabato 16 ottobre nella sede di Fondazione Cariverona la mostra fotografica curata da Carlo Sala in collaborazione con Urbs Picta

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per ricevere la newsletter di Fondazione Cariverona. Lasciando i tuoi dati rimarrai aggiornato sui nostri bandi, iniziative ed eventi !