fbpx

MEDICI CON L’AFRICA CUAMM

Fondazione Cariverona in rete con le altre Fondazioni bancarie per il progetto Prima le mamme e i bambini

Sono quattro le Fondazioni di origine bancaria che dal 2011 sostengono il progetto Prima le mamme e i bambini di Medici con l’Africa Cuamm nato per dare assistenza alle donne durante tutte le fasi della gravidanza e del parto.

Il progetto ha l’obiettivo di ridurre la mortalità materna e neonatale, di garantire l’accesso gratuito al parto sicuro e la cura del neonato.

Fondazione Cariplo, Fondazione Cariparo, Compagnia San Paolo e Fondazione Cariverona, dopo un primo sostegno per il periodo 2011-2016, l’anno scorso hanno confermato il loro sostengo alla seconda fase del programma quinquennale 2017-2021 con un intervento complessivo pari a 4 mln di euro.

La nuova edizione del programma interessa 7 paesi dell’Africa, Etiopia, Tanzania, Mozambico, Angola, Uganda, Sierra Leone e Sud Sudan e prevede in cinque anni di fornire assistenza al parto per 320.000 donne, trattare 10.000 bambini per malnutrizione acuta e 50.000 per malnutrizione cronica. È stata quindi estesa l’attenzione non solo al periodo delicato della gravidanza e del parto, ma anche ai primi due anni di vita del neonato e il programma è stato denominato Prima le mamme e i bambini di Medici – 1.000 di questi giorni.

Medici per l’Africa con il suo costante impegno è riuscita nel primo anno della seconda fase di lavoro a raggiungere degli obbiettivi importanti: sono stati 55.209 gli interventi di assistenza durante il parto, 2.410 i bambini trattati per malnutrizione acuta e 17.167 per malnutrizione cronica.

Inoltre, durante questo periodo sono stati effettuati degli interventi di ristrutturazione nel reparto di pediatria e neonatologia dell’ospedale di Montepuez, in Mozambico che hanno permesso più di 10.000 i ricoveri, di cui 2.269 bambini e più di 4.000 i parti assistiti.

In Sierra Leone, nel distretto e ospedale di Pujehun, Medici per l’Africa è presente dal 2013 dando supporto alla gestione del complesso materno infantile e al reparto pediatrico con un chirurgo per le emergenze ostetriche e un medico per le attività sul territorio.

Nel distretto di Mundri e ospedale di Lui, nel Sud del Sudan, nel primo anno si sono diplomate 20 ostetriche; Non solo supporto, ma anche istruzione all’interno del programma Prima le donne e i bambini – 1.000 di questi giorni. In Tanzania nella struttura ospedaliera di Sogambele sono stati effettuati nell’ultimo anno 1.722 ricoveri e più di 350 assistenze al parto.

Il progetto che sta fornendo assistenza costante a migliaia di mamme e bambini, nel prossimo anno di attività prevede una continua espansione delle ricerche operative e il completamento dell’assetto dei nuovi presidi sanitari.

Per maggiori informazioni sull’organizzazione Medici con l’Africa

Per maggiori informazioni sul progetto Prima le mamme e i bambini – 1.000 di questi giorni

Altri aggiornamenti

NUOVA SCADENZA PER LA TERZA EDIZIONE DEL CONCORSO M4NG

Posticipato al 28 febbraio 2021 il termine per presentare la domanda di partecipazione al concorso Music 4 the Next Generation

ITINERARI IN RETE: ALLA SCOPERTA DEL CADORE IN 36 EVENTI

Il progetto per celebrare i 600 anni della dedizione a Venezia con un calendario fra storia, arte e natura

IL PROGETTO RETI DI COMUNITÁ STUDIA L’IMPATTO DEL COVID-19

Adulti e adolescenti di 13 Comuni del distretto ovest dell’Ulss 8 Berica hanno partecipato all’indagine: per entrambi uno sguardo positivo sul futuro

I PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO DI RICERCA COVID-19 ENACT

Procede rapidamente con promettenti risultati il progetto multidisciplinare di ricerca scientifica Conoscerlo per sconfiggerlo. Alleanza contro COVID-19 (ENACT) condotto dall’Università di Verona con il sostegno di Fondazione Cariverona