fbpx

Celebrità e Nuovi Media al tempo del Risorgimento

Inaugurata al Museo Archeologico Nazionale di Mantova la mostra “ICONE POLITICHE”

Sino al 18 marzo 2018 è visitabile a Mantova presso il Museo Archeologico la mostra Icone politiche. Celebrità e nuovi media al tempo del Risorgimento, promossa e organizzata da vari enti fra i quali l’Istituto Mantovano di Storia Contemporanea e sostenuta dalla nostra Fondazione.

La mostra, aperta dal martedì al sabato tra le ore 10 e le 17, la domenica dalle 10 alle 13, si propone di indagare i rapporti che la politica nell’Italia in costruzione intrattenne con i canali della cultura visuale e materiale del tempo. La personalizzazione e la spettacolarizzazione della politica non sono caratteristiche del Novecento e di una fase decadente della politica, ma sono tratti costitutivi della politica moderna e delle democrazie di massa, che almeno dalla fine del Settecento si avvalsero dei media coevi più popolari per colpire l’immaginazione e le emozioni di donne e uomini.

Oggi infatti si parla spesso di personalizzazione della politica e di politica-spettacolo, come se si trattasse di fenomeni recenti e di degenerazioni rispetto a forme più nobili o sobrie di fare politica. Ma già nel XIX secolo le personalità più in vista della sfera pubblica, dai sovrani ai rivoluzionari, per ottenere consenso o divulgare i loro ideali, puntarono sul potere delle immagini e sui mezzi di comunicazione allora più moderni, come spettacoli popolari, stampe, giornali illustrati,. Fotografie, cimeli, oggetti, confluiti oggi in collezioni pubbliche e private, per la prima volta esposti al pubblico. La mostra ripercorre questa storia con reperti d’epoca e con l’ausilio di tecnologie che immergono gli spettatori nei media del tempo fornendo una lettura inedita e originale del Risorgimento.

Simbolo della mostra è Giuseppe Garibaldi che fa un selfie mentre con la moglie Anita si mette in salvo su una scialuppa, dopo l’esplosione della nave su cui si trovavano. E’ la rielaborazione grafica – nell’originale compare un remo dove ora vi è un telefonino – di una scena del Panorama Garibaldi, prodotto in Inghilterra nel 1860 e ora di proprietà della Brown University Library. Il “panorama” – un rotolo di carta di 84 metri dipinto da entrambe le parti sulla vita dell’eroe dei due mondi – è stato digitalizzato e viene proiettato nella mostra curata da Gian Luca Fruci insieme a Costanza Bertolotti e Alessio Petrizzo.

Docenti e studenti della classe 5AG degli Istituti “Carlo d’Arco e Isabella d’Este”, indirizzo Grafica e Comunicazione, hanno curato le videoinstallazioni e gli aspetti grafici della mostra e del catalogo; l’approfondimento è avvenuto in collaborazione con studenti del liceo linguistico “Virgilio”.

Maggiori informazioni alla pagina dedicata alla mostra.

Altri aggiornamenti

TIZIANO. L’ENIGMA DELL’AUTORITRATTO

La mostra si inserisce all’interno del progetto “Itinerari in rete” sostenuto da Fondazione Cariverona nell’ambito del Bando Valore Territori

INLAB BELLUNO

Nasce a Belluno il nuovo polo di ricerca e innovazione per sostenere l’europrogettazione

PUBBLICATO IL REGOLAMENTO DELLA SESSIONE EROGATIVA 2019

Un’opportunità per candidare iniziative non presentate sui Bandi 2019

BANDO CULTURA IN RETE

A sostegno delle piccole e medie organizzazioni culturali per progetti innovativi e multidisciplinari